Poesie di Eldy

BUON COMPLEANNO DOMENICO

BUON COMPLEANNO DOMENICO! DA TUTTA ELDY E DA TUTTA LA POESIA

AUGURI MICUZZU UNA TORTA SEMPLICE, MA FATTA CON LE NOSTRE MANI E CON TANTO AFFETTO

Questa poesia è stata scritta da rob, il 14 luglio 2012 at 06:27, nella categoria: boba52. Lascia un tuo commento qui



PAROLE DETTATE DAL CUORE

E’ difficile parlare ad un cuore che in questo momento  sanguina E’ difficile lenire questo cuore .Nulla sembra essere di conforto :e’ troppo profonda la ferita.Ma ,forse,le parole che escono da un altro cuore,amico,vicino a tanto dolore ,poste in uno scrigno ,donate su palmo di mano,calde come un abbraccio sincero ,potranno dare un poco di calore,un alito di affetto,e accompagnare il povero cuore in questo triste cammino. Ti siamo vicino ,cara amica ,tu che hai sempre un sorriso e una parola dolce per tutti  Permettici di essere ora il tuo sorriso, la tua parola dolce ,essere  vicino a te  imitando l’amore che tu ci hai sempre dimostrato per chiunque si rivolgesse a te Domenico,Porzia,Boba,Franci, Paola.

 

Questa poesia è stata scritta da rob, il 5 gennaio 2012 at 17:48, nella categoria: boba52. Lascia un tuo commento qui



Grazie Mamma

Immagine anteprima YouTube

La Traviata-Preludio, di Giuseppe Verdi

…………………………………………………………………….

Grazie:
hai lasciato nei miei occhi  l’ultimo sguardo alla vita
Grazie:
hai lasciato nel mio cuore le tue parole
Grazie:
la tua mano ancora è sul mio viso
che mi accarezza con infinito amore
Grazie:
di avermi detto “TI VOGLIO BENE”
Grazie:
di avermi fatto questo regalo
prima di lasciarmi per sempre
Grazie:
di avermi lasciato la parte piu importante di te
Grazie Mamma!
 Autore:boba52

I° anniversario

Questa poesia è stata scritta da admin, il 28 ottobre 2011 at 03:37, nella categoria: boba52. Lascia un tuo commento qui



ASPETTARE

ASPETTARE
Vivere e’ più’ difficile che morire..,spesso, questo si sente dire. Ma chi, come me, ha vissuto aspettando, a volte, perde il senso di ciò che sta facendo. Aspettare di diventare grande, immaginando che poi potrà agire. Aspettare l’amore, cosi poi una donna si può, finalmente, sentire. Aspettare che il tuo uomo, maturando, possa esserti accanto, come andavi sperando. Aspettare che i  sogni un dì, si possano realizzare, perché ora è più impegnativo e importante il tuo fare. E. mentre. aspetti, la vita ti passa accanto, e tu non la vivi perché continui ad  aspettare…e non ti accorgi  quanto è più veloce di te. Tu resti indietro e, ormai, lei ti ha superato e il tuo tempo è passato. Ma improvvisamente ancora ti trovi ad aspettare, ogni giorno, ogni attimo, che il tuo tempo ancora possa arrivare. Aspetti te…il tuo sogno lontano. Aspettando la sua mano. Aspettando che, ai tuoi occhi, sia colei/ui che doveva arrivare, colei/ui che, amandoti forte è ancora qui ad aspettare un tuo cenno, un tuo si, una luce nei tuoi occhi, e  che, per me, possa finalmente dire: ECCOMI, BASTA HA FINITO DI PENARE, DI SOGNARE, DI ASPETTARE… VIVI CON ME CIO’ CHE, DA TANTO TEMPO, ANDAVI A CERCARE
Autore:Boba.52

Questa poesia è stata scritta da rob, il 12 luglio 2011 at 04:31, nella categoria: boba52. Lascia un tuo commento qui



IL VENTO

Immagine anteprima YouTube

Il Vento
Spesso mi chiedo;Perché il vento su di me ha tanto potere? Perché, quasi sempre, mi piego al suo volere? Eppure non mi sento canna che, con la brezza del mattino, si china, non mi sento ramo cosi’ sottile che, al suo passaggio, non possa reggermi. Certo; amo il suo posarsi su di me, amo il suo passare, a volte, come brezza leggera e soave che culla i miei pensieri, a volte impetuosa, tempestosa che accende i mie sensi. Ma, a volte, odio il suo divenire, cosi prepotente da farmi mancare il fiato e, senza chiedere permesso, a turbinarmi  il cuore, sconvolgendo tutto il mio essere. PERCHE’?
Perché non riesco a gridare per poterlo fermare? Vorrei far capire quanto mi fa soffrire, e che , se per lui,  canna potrei anche diventare, piagandomi al suo volere  è, solamente,  per tutto l’amore che mi sa dare. Ma lui non mi sta ad ascoltare. lui e’ il vento, non può’ aspettare, non ascolta l’eco delle mie parole. Lui sempre avanti deve andare, fiero di se e dell’importante ruolo che riveste, da non potersi fermare un solo istante. E’ il fato che lo guida in questo suo vagabondare, e, in questo solitario cammino, abbraccia tutti, ma con nessuno rimane troppo vicino. Solo al silenzio tende la sua mano. Mentre la mia anima, continuando a non capire, si chiede del PERCHE’ di questo amore così forte che mi invade ad ogni istante che, al vento, vado a pensare.
Autore:Boba

Questa poesia è stata scritta da rob, il 20 giugno 2011 at 06:01, nella categoria: boba52. Lascia un tuo commento qui



« Poesie Precedenti