Poesie di Eldy

MI BASTA POCO…..poesia di Gugli


Mi basta un tuo gesto,
per farmi sorridere.
Mi basta una frase,
di un ricordo per

farmi felice.
Mi basta vedere
una tua foto, per
dire quanto sei bella.
Mi basta la tua voce
ci sono parole di amore.
Mi basta la tua semplicità
di donna, per darmi serenità.
Mi basta il tuo profumo,
per farmi sognare
Mi basta vedere
tuoi occhi
specchio di vita.
Mi basta che ci sei, .
sei tu, quel che mi
basta.
Sei il mio, basta amore.

Questa poesia è stata scritta da francesca, il 19 gennaio 2018 at 21:37, nella categoria: gugli11.fi. Lascia un tuo commento qui



LOTTA…..poesia di Antonino8.pa

Bene così,

non sarà certo

una notte senza fine,

tornerà il sole

a sciogliere il gelo,

che attanaglia il cuore.

Non c’è notte che giustifichi il lasciarsi andare,

andare alla deriva.

Non c’è notte che possa oscurare

quanto il bello offre la vita,

anche se le ferite,

tardano a rimarginare,

mostra i denti, non abbandonare,

se cerchi dentro troverai che

c’è semrpe qualcuno per cui

val la pena di continuare.

 

Questa poesia è stata scritta da francesca, il 16 gennaio 2018 at 23:04, nella categoria: antonino8.pa. Lascia un tuo commento qui



LA NOSTRA PIAZZA (parte seconda) di Franco e Alfred

da Franco:

Tutta questa piazza zotica
forse è un poco metaforica ?
Dove spiriti impudenti
sono sempre un pò bollenti ?
Una piazza da mercato
dal costume dissennato ?
Se la piazza è proprio quella
non è certo sempre bella
e fai bene a dissertare
per poterla cautelare,
ma è difficile cambiarla
se non sbatti tutto all’aria …..

 

da Alfred:

non si tratta di cambiarla
o gettare tutto all’aria
se ciascuno non gettasse
la sua cicca, le cartacce
ed in tasca le mettesse
e a casa le portasse,
nella piazza non vedresti
ne la cicca ne altri resti
la fatica non è molta
e non serve la rivolta
non ci vuol rivoluzione
per un po’ di confusione
solo un poco di rispetto
ed avremmo lindo e netto
tutto il nostro giardinetto
che ai porci fa dispetto

 

Questa poesia è stata scritta da francesca, il 14 gennaio 2018 at 17:22, nella categoria: alfred, francomuzzioli. Lascia un tuo commento qui



MA CHE PIAZZA!!!……..di Alfred-Sandro

Sono solo nella piazza
e nessuno che la spazza:
carte, gomme , caramelle,
chi ha scordato le bretelle?
Un cappello tutto unto,
una scarpa con la punta,
anche un paio di calzini
con in punta due buchini.
Uno slip che era bianco…
c’era pure un lungo guanto;
tre bottoni di camicia.
Gli occhi grandi di una micia
che mi fissano sorpresi
sotto quei calzoni appesi
pare dica: siamo matti?
questi son peggio dei gatti !!
Mi domanda un po sorpresa
scusa, sai, …ma sono tesa
nel vedere cose strane,
come i denti color rame.
Mi sovvien di domandarmi:
ma cos’e’ sta piazza d’armi ?
Io credevo fosse a posto,
mentre invece è un posto losco.
Anche i gatti son pudici,
non lo fanno tra gli amici,
e tra l’altro se son vecchi
quando vedono gli specchi
vi si osservano seriosi
e sen vanno pensierosi.
Certo che vedersi e’ dura,
ma lor fan brutta figura.
Atteggiarsi a Don Giovanni
quando s’ha quasi ott’anni…
…e’puerile e deleterio.
SEMPRE MEGLIO, È UN VECCHIO SERIO !!!!

Questa poesia è stata scritta da francesca, il 11 gennaio 2018 at 23:06, nella categoria: alfred. Lascia un tuo commento qui



IL TUO NOME…….di Franci

In un foglio sgualcito,
sbrindellato dal vento,
ho scritto il tuo nome.
In una foglia rinsecchita,
ammuffita al suolo,
ho scritto il tuo nome.
Nella cera di una candela,
consunta dal delirio,
di queste lunghe ore,
ho scritto il tuo nome.
Ora lieve un pensiero
si libra nell’aria,
dardeggia e pasce.
Sulle mie labbra
un solo nome: il TUO.

Questa poesia è stata scritta da francesca, il 8 gennaio 2018 at 18:26, nella categoria: franci. Lascia un tuo commento qui



« Poesie Precedenti