Poesie di Eldy

Lentamente svanisce! poesia scritta da Franco Muzzioli

Lentamente svanisce
tra solitarie parole
gettate nel vento
di giornate ormai morte.
Coriandoli di saggezza
svolazzavano attorno
e si coglievan  sereni
le esperienze degli altri.
Come nebbia autunnale
d’un oblio non cercato
or sparisce il cammino
per tant’anni percorso.
Forse è stata illusoria
la costante allegrezza
dei pensieri comuni.
Vanno parole e amici
oltre il fuoco dell’occhio
e sfumano inani
nel biancore del vuoto.

Questa poesia è stata scritta da paolacon.eldy, il 22 settembre 2013 at 10:44, nella categoria: francomuzzioli. Lascia un tuo commento qui



Solitudine poesia scritta da Maurizia.vi

Solitudine

Solitudine dettata, solitudine dovuta, solitudine voluta
Solitudine è la tua compagna.
Vivi in un regno chiuso a  estranei
Un regno che ti circonda di pace e silenzio.
Beato silenzio che da tranquillità alla tua mente così esausta
Mente alla ricerca di nessuno
Mente che vuole ritrovare se stessa.
Immagine anteprima YouTube

Questa poesia è stata scritta da paolacon.eldy, il 20 settembre 2013 at 13:11, nella categoria: maurizia.vi. Lascia un tuo commento qui



e noi quì sempre a parlare… poesia scritta da Antonino8.pa

Antonino ci manda questa poesia con la speranza che faccia riflettere chi la legge.
migrare...

E intanto se ne vanno,
e noi ipocriti quì a parlare,
una falsa etica ci guida.
Intanto vanno via,
e noi indifferenti,
chiudiamo gli occhi,
per non vedere,
tappiamo le orecchie,
per non sentire,
le loro urla.
Gente senza domani,
bambini mai cresciuti,
vanno incontro alla morte,
vanno incontro alla pace,
mai avuta.
Unica via d’uscita,
dalla disperazione.
Un’arma resta sempre tale,
chimica o convenzionale,
ma l’ipocrisia umana
non ha confini,
tutto serve a giustificare,
falsi ideali a mascherare,
bassi interessi.
Intanto continueranno
ad andar via,
e noi quì sempre a parlare.

Questa poesia è stata scritta da paolacon.eldy, il 11 settembre 2013 at 06:33, nella categoria: antonino8.pa. Lascia un tuo commento qui



GIORNO QUALUNQUE poesia scritta da Luciano Disconzi

GIORNO QUALUNQUE

La notte si dipana
sulle spalle dei sogni
penetra negli anfratti
distratti
segue bisogni
fatui di lana
fruscìo
di frulli innocui

Scollina
lentamente
striscia radente
incontro alla mattina
abbaglio di lame
sospiro di vento
vivace concerto
nella fresca brina

Il mezzodì lesto
drago
molesto
si attorciglia vago
tra i tentacoli
amari sanguinanti
di vani spettacoli
deliranti

Ecco è sera
sparisce primavera
ombre e colonne
precipita insonne
pesantemente
insolente
a sbeffeggiar la mente
per il niente.

Questa poesia è stata scritta da paolacon.eldy, il 10 settembre 2013 at 01:06, nella categoria: Luciano Disconzi. Lascia un tuo commento qui



Chi sei ? poesia scritta da Antonino8.pa

 

Immagine anteprima YouTube

Chi sei ?

Strani pensieri,
attraversano la mente,
strani desideri,
partono dal cuore,
a volte non è
facile accettarsi.
Si cerca inutilmente,
di sopperire alle carenze,
alla propria insufficienza,
sempre a combattere,
contro chi fa ombra,
chi mette in pericolo,
un’effimera vita,
fatta solo di illusioni.
Così il nostro ego,
si gonfia, gioisce,
quando, al fine,
sarà sconfitto l’avversario.

Questa poesia è stata scritta da paolacon.eldy, il 4 settembre 2013 at 00:13, nella categoria: antonino8.pa. Lascia un tuo commento qui



« Poesie Precedenti